lunedì 24 aprile 2017

In realtà il cristianesimo non è monoteista!

Tre divinità in una, o forse si sono riprese le tre divinità egizie: Iside, Osiride e il figlio Horus.
L'invenzione della trinità deriva, più semplicemente dal mondo romano: la Triade Capitolina venerata nel Campidoglio, Giove, Giunone e Minerva....
Risultati immagini per la triade Capitolina
Certo che già con il concetto trinitario il monoteismo è alquanto confuso, ma per complicare la questione arriva anche il complesso e stratificato culto dei santi.
E' probabile che sia più monoteista il cristianesimo ariano, condannato nel concilio di Nicea, ( concilio voluto dal primo papa-Imperatore Costantino).


domenica 23 aprile 2017

"Beato il paese che non ha bisogno di eroi" frase tipica della retorica senza fondamento di Bertold Brecht

Bertold Brecht ha scritto molte oscene idiozie. Ma una più di tutte, quando ha detto “Beato un popolo che non ha bisogno di eroi”. Il popolo, ogni popolo, ha bisogno di eroi. Anche i regimi che amava il drammaturgo marxista hanno fatto ricorso a saghe eroiche, a icone di eroi. Stalin sopra tutti. La lista è lunga e non è ancora spenta: pensate a Che Guevara. E quando gli eroi sono vietati, i popoli li adottano clandestinamente, ricorrono agli anti eroi, o addirittura li prendono a noleggio dagli altri popoli o da altri pianeti. Come quello della fantasia, della fiction, della letteratura. Da John Wayne a Dylan Dog. Noi italiani, per esempio, da mezzo secolo li prendiamo in affitto da altri popoli o da altri mondi.
Risultati immagini per l'eroe preistorico di altamira
http://www.marcelloveneziani.com/il-giornalista/mi-ritorni-in-mente/beato-il-popolo-che-onora-gli-eroi/

Presentazione di ARLECCHINO: DIO, DEMONE E RE alla fondazione Casa Museo Sartori

alla Casa Museo Sartori di Castel d’Ario

46033 Castel d'Ario (Mantova) via XX Settembre 11-15

Domenica 7 maggio alle ore 17, si svolgerà la presentazione del volume a cura degli autori: Emanuela Chiavarelli e Luigi Pellini “Arlecchino: Dio, Demone e Re” 

Origini Sciamaniche di un Culto 

Arcaico 


(Libreria Editrice Aseq – Roma). Stefano Paiusco, attore, proporrà un brano sulla commedia all’improvviso, tratta dal suo spettacolo “Comici Giullari Buffoni e Maghi ciarlatani”.

Risultati immagini per Arlecchino:Dio, Demone e Re

Mauro Biglino l'eretico che fa infuriare il Vaticano

Risultati immagini per Biglino
Ieri ho asistito alla conferenza che Mauro Biglino ha tenuto alla Gran Guardia in Verona, sono state quattro ore in cui ho compreso ed imparato molte cose nonostante sia la seconda volta che lo sento dal vivo.  I giornali di Verona non hanno mai passato la notizia: allineati e coperti con il potere politico-religioso di Verona, ma nonostante il silenzio la conferenza era gremita  la grande sala della Gran Guardia era piena, e la gente ascoltava in silenzio, non si sentiva volare una mosca............. Anche oggi sul dopo evento assenza completa di notizie, anche se si comprende che esiste un gran interesse verso queste tematiche.
In conclusione il relatore ha sottolineato che la Bibbia non descrive eventi sacri e non parla nemmeno di dio..........

mercoledì 19 aprile 2017

Giacomino da Verona e il suo poemetto: De Babilonia civitate infernali

Risultati immagini per giacomino da verona

Il "De Babilonia civitate infernali" è un poemetto di Giacomino da Verona nel quale l'Inferno viene descritto in modo piuttosto grossolano, ma con dovizia di particolari fantasiosi e divertenti.
L'Inferno è ammorbato da un fetore indescrivibile, che si sente a più di mille miglia di distanza; vi brulicano bisce, ramarri, rospi, serpenti, vipere, dragoni con lingue e denti taglienti più di rasoi.
Appena giunto in questo luogo, il dannato è preso in cura da diavoli cento volte più neri del carboni, i quali gli spezzano le ossa a bastonate, lo immergono prima in un'acqua gelata e poi lo mettono in un luogo di grande calura. 
Dopo questi preparativi, il malcapitato è pronto per essere cucinato! Arriva Belzebù che lo mette ad arrostire come un bel porco al fuoco in un grande spiedo di ferro, per farlo cuocere, condendolo con una salsa per renderlo più appetitoso. La salsa è fatta di acqua, sale, fuliggine, vino, fiele, aceto forte e veleno. 

Ma non sempre Lucifero, re dell'Inferno, gradisce la pietanza e allora, infuriato, lo rispedisce indietro al cuoco perché non lo trova convenientemente cucinato.